piante spontanee
Se ti piace l'articolo, condividilo

MANGIARE I PRATI

Utilizzare le piante spontanee nella alimentazione ?
Oggi suona quasi rivoluzionario, ma in realtà è ciò che gli animali fanno da milioni di anni e ciò che gli umani hanno fatto fino all’avvento dell’agricoltura.
In termini evolutivi i millenni di coltivazione corrispondono all’ultimo minuto del percorso temporale, quindi possiamo dire che l’uso delle risorse che la Natura dona spontaneamente è la vera normalità e non una cosa bizzarra.
La causa principale che ha fatto scomparire queste pratiche è l’industrializzazione e la conseguente concentrazione degli umani in agglomerati urbani sempre più grandi e fitti. Questi ambienti artificiali non sono progettati per mantenere una buona integrazione tra Natura e Infrastrutture e ha di fatto provocato l’estromissione della prima relegandone la presenza in pochi spazi gestiti più per attività ludiche che per garantire quel serbatoio di risorse alimentari e medicali che dovrebbero essere.

IL MONDO INDUSTRIALE

il mondo industriale

Tutto ciò ha portato a dimenticare le “antiche” pratiche che oggi vengono lentamente riscoperte come qualcosa di curioso, quasi folkloristico, ma che dovrebbe invece affiancare strettamente la produzione agricola.
Per fare ciò tuttavia sarebbe necessario riprogettare le città e i loro spazi “verdi”, garantire una migliore qualità del suolo e dell’aria e cambiare il modo in cui si impiega il proprio tempo ritornando ai fondamentali.

LA PIU’ GRANDE DISPENSA

In Natura esiste una varietà pressochè infinita di piante, frutti, bacche, tuberi e radici che possono essere mangiate
Quasi tutte hanno sia proprietà nutritive che curative e da qui la famosissima massima di Socrate “fa che il cibo sia la tua medicina e la medicina il tuo cibo”.

Ovviamente esistono anche molte piante tossiche o velenose, ma anche in questo caso la loro conoscenza ha permesso di utilizzarne i principi attivi dovutamente elaborati per scopi medicali (un esempio per tutti l’atropina ricavata dalla belladonna e utilizzata in campo oftalmico).

In questa sezione pubblicheremo articoli che trattano le più comuni piante spontanee, il loro riconoscimento e uso. Faremo anche richiamo a testi e contenuti web in modo da consentire al lettore di approfondire a piacere l’argomento.

la più grande dispensa

DISCLAIMER

Tutti i contenuti pubblicati hanno carattere puramente informativo e sono tratti da libri e contenuti digitali che trattano questi argomenti. Nella scelta delle materie prime, dei prodotti e delle tecniche di trasformazione ognuno deve considerare le proprie peculiarità (stato di salute, intolleranze, patologie) ed è quindi responsabile delle proprie scelte.
Laddove si possano riscontrare potenziali rischi questi saranno evidenziati di volta in volta negli articoli ed è necessario prenderne atto prima di seguire quanto viene proposto.

Seguici anche sui nostri Social

Telegram Sfero Odysee Odysee
ALIMENTAZIONE NATURALE: LE PIANTE SPONTANEE
Tag:                     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *