Mario Draghi
Se ti piace l'articolo, condividilo


Mario Draghi ha un problema.
Vuole andarsene ad ogni costo per schivare la slavina di fango che ha accuratamente preparato per il paese, ma deve trovare qualcuno disposto a prendersi il cerino e al tempo stesso che non lo faccia sfigurare.
Dunque l’identikit del successore di Draghi è esigente.

Deve trattarsi di un soggetto vittima di un’ambizione irrefrenabile, che pur di trovarsi sul ponte del comando per uno scampolo di legislatura è disposto a prendersi tutte le palate di letame necessarie (deve essere uno abituato a prenderle).

E deve trattarsi di qualcuno con un profilo di sadismo, se possibile confinante con la psicopatia, che faccia rilucere per contrasto il killeraggio freddo e professionale di Draghi come uno scampolo di umanità cui guardare con simpatia.

Sembrava una missione impossibile, ma poi, d’un tratto, quando tutti cominciavano a disperare, tra i banchi di Montecitorio, come lo Stregatto, è iniziato ad apparire il ghigno di Brunetta.

Et voilà.

Già Draghi mi manca.

Per un paese che, quando si tratta di scegliere la classe dirigente, è un’autorità mondiale nella trivellazione del fondo del barile, nessuna impresa è davvero impossibile pur di continuare nella sua caduta infinita senza mai incontrare il fondo.

Andrea Zhok.

Fonte Giorgio Bianchi Photojournalist

Seguici anche sui nostri Social

Telegram Sfero Odysee Odysee
TESTE PENSANTI