Corsa ai test HIV
Se ti piace l'articolo, condividilo

Non è per caso che il “vecchio demente” del dottor Luc Montagnier aveva ragione quando denunciava il rischio di una immunodeficenza a seguito dei sieri genici sperimentali? Secondo il Premio Nobel il coronavirus sarebbe un virus manipolato, uscito accidentalmente da un laboratorio cinese a Wuhan dove si studiava il vaccino per l’Aids. La sequenza dell’Aids è stata inserita nel genoma del coronavirus per tentare di fare il vaccino. “Ma gli elementi alterati di questo virus verranno comunque eliminati man mano che si diffonde. La natura non accetta alcuna manipolazione molecolare, eliminerà questi cambiamenti innaturali e anche se non si fa nulla, le cose miglioreranno, ma purtroppo dopo molti morti”. E magari dopo innumerevoli “infettati”. Così ha detto Montagnier ai microfoni della trasmissione “Pourquoi Doctor”.

Luc Montagnier

L’improvvisa corsa ai test


Adesso in Italia test rapidi, gratuiti e anonimi per rivelare l’eventuale positività ai virus dell’HIV e dell’Hcv quello dell’Epatite C. A Brescia saranno presenti spazi dedicati dove personale specializzato offrirà oltre alla ridicola informazione, la possibilità di effettuare il test rapido per HIV (pungidito) e Hcv (salivare) in forma anonima e gratuita.
Cui Prodest? Come mai proprio ora questo immenso amore per il prossimo? Lo si evince leggendo che l’insidioso screening è una iniziativa della European Testing Week, una campagna europea che incoraggia varie organizzazioni (nel 2021 sono state 650) a unirsi per aumentare gli sforzi per promuovere la consapevolezza sui benefici dei test precoci dell’epatite e dell’HIV. Sapete chi sono gli sponsor? Gilead Sciences, ViiV Healthcare, Janssen, Merck/MSD, AbbVie, AAZ, Cepheid, cioè le multinazionali della chimica e farmaceutica che guadagnano sull’Aids (farmaci, test, esami).
Vogliono ipotecarsi l’ennesima arma di distrazione e terrore di massa, creando la nuova pandemia!

Fonte: MARCELLO PAMIO

TEST RAPIDI, GRATUITI ED ANONIMI PER CERCARE L’AIDS.
TUTTI A CERCARE ORA L’IMMUNODEPRESSIONE: COME MAI?