biologia e coerenza: l'errore fondamentale della medicina
Se ti piace l'articolo, condividilo

Una nuova ricerca condotta in Francia ha stabilito che i “vaccini” contro il Covid-19 scatenano una condizione prionica incurabile e fatale nota come malattia di Creutzfeldt-Jakob (CJD).

Lo studio

Lo studio ha rilevato che la forma di CJD causata dalle vaccinazioni è molto più aggressiva e si sviluppa molto più rapidamente rispetto alla CJD tradizionale, che a detta di tutti era rara di per sé prima del lancio dell’operazione Warp Speed.

“I prioni sono naturalmente presenti nel cervello e di solito sono innocui, ma quando si ammalano o si ripiegano male, influenzano i prioni vicini a diventare anch’essi malformati, portando al deterioramento del tessuto cerebrale e alla morte”, riporta The Epoch Times.

“La malattia è incurabile perché una volta che un prione viene infettato, continuerà a propagarsi ad altri prioni senza che nessun trattamento sia in grado di fermarne il progresso”.

Si dice che la maggior parte dei casi di CJD tradizionale sia sporadica, ovvero che una persona la sviluppi senza un motivo apparente. Piccoli sottoinsiemi di persone presumibilmente la ereditano da altri membri della famiglia, ma in generale la causa della CJD è ancora un mistero.

Il ruolo della proteina Spike

Questo non è vero per la MCJ indotta da vaccinazione, che è sicuramente causata da quest’ultima. La prima “variante” del virus contiene una regione prionica nella sua proteina spike che è stata utilizzata anche per sviluppare i cosiddetti “vaccini”. Una volta iniettate in una persona, queste proteine spike contenenti la regione prionica interagiscono con le cellule umane, causando la malattia.

“… quando le informazioni del gene della proteina spike della variante di Wuhan sono state trasformate in un vaccino come parte dei vaccini a base di mRNA e adenovirus, è stata incorporata anche la regione prionica”, rivela ancora il Times.

“Come parte del processo cellulare naturale, una volta che l’mRNA è stato incorporato nelle cellule, la cellula trasformerà le istruzioni dell’mRNA in una proteina spike COVID-19, ingannando le cellule nel credere di essere state infettate in modo da creare una memoria immunologica contro un componente del virus”.

Le iniezioni di mRNA e di vettore virale covid sono entrambe collegate alla malattia da prioni.
Ci viene detto che questo insolito processo biologico codificato nelle informazioni dell’mRNA è “non perfetto” e soggetto a “errori”.

In altre parole, l’incorporazione di regioni prioniche nel contenuto del vaccino e la conseguente formazione della CJD sono solo uno strano incidente.

Decidete voi stessi se ritenete che si tratti di una conseguenza non voluta, ma gli scettici sono convinti che queste iniezioni (armi biologiche) fossero destinate a causare questo tipo di malattia – e probabilmente molte altre che devono ancora manifestarsi (o essere identificate) nei soggetti sottoposti a vaccinazione.

Allarme ignorato?

Lo scorso autunno abbiamo messo in guardia i nostri lettori dalla malattia da prioni legata alle iniezioni. Il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) mostra attualmente un forte aumento o “eccesso” di malattie da prioni da quando i vaccini sono stati messi in circolazione.

Un altro studio peer-reviewed condotto in Turchia sostiene i risultati dello studio francese, collegando la malattia di Creutzfeldt-Jakob ai vaccini prodotti da Pfizer-BioNTech, Moderna e AstraZeneca, quest’ultima non utilizza nemmeno la tecnologia dell’RNA messaggero.

“Lo studio francese ha rilevato l’insorgenza dei sintomi entro 11.38 giorni dalla vaccinazione, mentre il caso di studio in Turchia ha rilevato la comparsa dei sintomi un giorno dopo la vaccinazione”, spiega il Times.

Il problema della CJD, tuttavia, è che in molti casi può rimanere latente per un lungo periodo di tempo.

Studi precedenti su gruppi di cannibali hanno scoperto che può nascondersi per 10 anni o anche di più prima di comparire improvvisamente. Quanti dei vaccinati covid svilupperanno casualmente e inaspettatamente la MCJ nei mesi e negli anni a venire?

“Ciò conferma la natura radicalmente diversa di questa nuova forma di MCJ, mentre la forma classica richiede diversi decenni”, ha concluso il dottor Jean-Claude Perez dello studio francese.

Fonte: ORAZERO

Malattia prionica incurabile legata ai vaccini covid