vaiolo delle scimmie
Se ti piace l'articolo, condividilo

Documenti ufficiali dimostrano che le autorità stanno usando il vaiolo delle scimmie per coprire la sindrome da immunodeficienza acquisita come effetto avverso dei sieri

La nuova isteria in evoluzione che circonda la presunta comparsa del “vaiolo delle scimmie” nelle nazioni occidentali non è quello che sembra. 

Non stiamo assistendo per la prima volta in assoluto al diffondersi del virus del vaiolo delle scimmie nei paesi del primo mondo.

Invece, stiamo assistendo all’ultimo tentativo di far avanzare le politiche di biosicurezza draconiane attraverso un monumentale insabbiamento del danno devastante fatto al sistema immunitario delle persone che hanno ricevuto il vaccino Covid-19. 

Danni così gravi da poter essere paragonati alla Sindrome da Immunodeficienza Acquisita.

Il vaiolo delle scimmie umano è una zoonosi che si pensa di solito si verifichi sporadicamente nella foresta pluviale tropicale dell’Africa occidentale e centrale. 

Ma l’esatta incidenza e la distribuzione geografica sono in realtà sconosciute perché molti casi non vengono riconosciuti. 

Il motivo è che viene comunemente scambiato per varicella / fuoco di Sant’Antonio.

Secondo uno studio scientifico pubblicato nel 1988, tra il 1981 e il 1986, 977 persone con un’eruzione cutanea non clinicamente diagnosticata come vaiolo delle scimmie sono state esaminate in laboratorio nello Zaire (ora conosciuta come Repubblica Democratica del Congo) .

I risultati sono stati i seguenti:

‘Il 3,3% dei casi umani di vaiolo delle scimmie è stato riscontrato tra 730 pazienti diagnosticati come casi di varicella, il 7,3% tra i casi diagnosticati come “varicella atipica” e il 6,1% tra i casi con rash cutaneo per i quali non è stato possibile stabilire una diagnosi clinica.

Le difficoltà diagnostiche si basavano principalmente sulle caratteristiche cliniche specifiche della varicella: pleomorfismo regionale (nel 46% dei casi mal diagnosticati), distribuzione corporea indefinita delle eruzioni cutanee (49%) e distribuzione centripeta delle lesioni cutanee (17%). L’allargamento dei linfonodi è stato osservato nel 76% dei pazienti con diagnosi errata. In assenza di vaiolo, il principale problema diagnostico clinico è la differenziazione del vaiolo delle scimmie umano dalla varicella.’

Riesci a individuare delle differenze sostanziali tra le seguenti due immagini?

Varicella / herpes zoster e vaiolo delle scimmie

Ora puoi capire perché è stato regolarmente diagnosticato erroneamente.

Il vaiolo delle scimmie umano è stato identificato per la prima volta negli esseri umani nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo in un bambino di 9 anni. 

Da allora, casi umani di vaiolo delle scimmie sono stati segnalati in 11 paesi africani. 

Non è stato fino al 2003 che è stata registrata la prima epidemia di vaiolo delle scimmie al di fuori dell’Africa, e questo è stato negli Stati Uniti.

I punti principali da togliere a questo sono che la presunta malattia del vaiolo delle scimmie è estremamente rara, è stata vista raramente al di fuori dell’Africa e non è mai stata registrata in più paesi al di fuori dell’Africa contemporaneamente.

Quindi, stando così le cose, non trovi strano che all’improvviso ci venga detto che i casi di vaiolo delle scimmie vengono ora registrati negli Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Australia, Svezia, Paesi Bassi, Belgio, Francia, Spagna, Italia e la Germania, tutti allo stesso tempo?

Soprattutto quando l’ Organizzazione Mondiale della Sanità ha confermato che non ci sono prove che il virus del vaiolo delle scimmie sia mutato.

Ma se non lo trovi strano, allora la seguente mappa che mostra i paesi in cui è stata somministrata principalmente l’iniezione Pfizer Covid-19 potrebbe farti cambiare idea –

Perché le prove suggeriscono che non stiamo affatto assistendo a un’epidemia di vaiolo delle scimmie nei paesi del primo mondo. 

Invece, stiamo assistendo alle conseguenze del danno che è stato causato al sistema immunitario dalle iniezioni di Covid-19 negli stessi paesi del primo mondo e le autorità si stanno affrettando a coprirlo.

Il virus dell’herpes simplex (HSV) è una causa comune di malattie cutanee ulcerose sia negli individui immunocompromessi che in quelli immunocompetenti. 

La maggior parte delle persone infette da HSV non presenta sintomi o sintomi lievi che passano inosservati.

Quando i sintomi compaiono, inizialmente si presentano con formicolio e/o arrossamento, seguiti da lesioni simili a vesciche che si fondono rapidamente in piaghe aperte e piangenti.

Le piaghe sono spesso piuttosto dolorose e possono essere accompagnate da febbre e linfonodi ingrossati. Proprio come il vaiolo delle scimmie.

Nelle persone immunocompromesse, come in quelle con sindrome da immunodeficienza acquisita, la frequenza e i sintomi dei focolai di HSV possono talvolta essere gravi, diffondendosi dalla bocca o dai genitali ai tessuti più profondi dei polmoni o del cervello. 

In quanto tale, l’HSV è stato classificato come ” condizione che definisce l’AIDS ” se dura più di un mese o si presenta nei polmoni, nei bronchi o nell’esofago. 

Sapevi che l’herpes è elencato come un evento avverso di particolare interesse (AESI) da Pfizer in relazione alla loro iniezione di Covid-19? 

Potresti essere perdonato per non averlo saputo perché solo di recente è stato rivelato nei documenti riservati della Pfizer che la FDA è stata costretta a pubblicare per ordine del tribunale nel 2022.

Articolo di: Database Italia


Fonte: OggiNotizie.info

Seguici anche sui nostri social

Telegram Sfero Odysee logoexit
La nuova isteria in evoluzione