long covid
Se ti piace l'articolo, condividilo

La fisiopatologia del Long Covid

In questo interessante articolo scritto con la collaborazione della dottoressa Yuhong Dong, oltre all’analisi delle possibili cause che portano al Long Covid, gli Autori propongono un possibile approccio terapeutico.

“Uno degli aspetti più devastanti del COVID è che può continuare a colpire i pazienti per mesi e persino anni dopo l’infezione.

Mentre la maggior parte dei pazienti combatte con successo i sintomi del COVID in pochi giorni, alcuni continuano a manifestare sintomi molto tempo dopo l’infezione. Quando i sintomi durano più di due mesi […] vengono diagnosticati come condizione post-COVID, chiamata anche Long COVID.”

❓”[…] cosa sta facendo il COVID al corpo che fa durare i sintomi per mesi o anni?

In questo articolo presentiamo diverse teorie attuali sul motivo per cui si verifica il Long COVID e sul come i sintomi persistono in alcune persone mentre invece in altre scompaiono.

Una recente revisione sulla ricerca, pubblicata su Nature, ha identificato le 3 ragioni più probabili per cui il COVID circola in alcune persone più di altre: infiammazione, risposte autoimmuni e “serbatoi” del virus.”

1⃣ “Il Long COVID potrebbe essere causato da una risposta infiammatoria persistente.

Fondamentalmente, il tuo corpo invia globuli bianchi, citochine e altre cellule immunitarie per cercare di combattere le infezioni o riparare i tessuti. Quando queste cellule hanno effetto iniziano a riparare i tessuti e a liberarsi delle tossine. […] È questa “lotta” tra le cellule protettive del tuo corpo e quelle dannose che causa l’infiammazione. […] L’infiammazione cronica si verifica quando una risposta infiammatoria dura a lungo. […] i globuli bianchi possono finire per attaccare sia le cellule cattive che quelle buone e sane del tuo stesso corpo. È una specie di “fuoco amico”.

Alcune prove di questa teoria provengono da un piccolo studio […]. I ricercatori hanno scoperto che le persone con il Long COVID presentavano aumenti persistenti di diverse cellule associate con le risposte infiammatorie a malattie acute. […]

Un altro studio su 207 pazienti affetti da COVID-19 ha rilevato allo stesso modo un recupero immunitario difettoso che guida le malattie in corso. […] L’aumento persistente delle cellule immunitarie che causano l’infiammazione potrebbe causare alcuni dei sintomi più comuni del Long COVID: neuroinfiammazione, lesioni ai reni, resistenza all’insulina e altri.”

2️⃣ “Una seconda possibile causa del Long COVID lungo è una risposta autoimmune che perdura anche dopo l’eliminazione del virus.

Le risposte autoimmuni sono in realtà comuni dopo le infezioni virali. Succede quando alcune delle proteine ​​​​del virus assomigliano alle proteine ​​​​delle normali cellule umane. Per le cellule immunitarie, la somiglianza rende facile “confondersi” tra il virus e le cellule del corpo.”

3️⃣ “Una terza teoria per la causa del Long COVID è che il virus non è stato adeguatamente eliminato dal corpo […].

In altre parole, c’è un “serbatoio” del virus che continua a causare sintomi molto tempo dopo che la maggior parte delle persone è tornata alla normalità.

Alcune ricerche hanno anche scoperto che mentre il SARS-CoV-2 si replica nei polmoni, nel naso e nella gola, può anche replicarsi nelle cellule dell’intestino tenue. Numerosi studi hanno riportato che l’RNA virale del SARS-CoV-2 è stato rilevato nei campioni delle feci anche dopo che il virus era stato eliminato dal rinofaringe.

I virus possono anche farsi strada nel cervello e viverci in modo relativamente sicuro. […] Alcune ricerche hanno trovato il SARS-CoV-2 nel tessuto cerebrale: potrebbe essere in grado di vivere lì e continuare a causare sintomi.”

❗”Un ulteriore potenziale meccanismo dei sintomi persistenti del COVID in alcune persone è il danno ai mitocondri.

È stato scoperto che la proteina Spike del SARS-CoV-2 può danneggiare la struttura e la funzione mitocondriale. […] Poiché i mitocondri sono così importanti per fornire energia alle cellule, danneggiarli può aiutare a spiegare sintomi come affaticamento, debolezza muscolare e alcuni dei deficit mentali come la nebbia cerebrale.”

❓❓”Dato che milioni di persone sono state contagiate dal COVID e che può avere effetti drammatici sulla salute, cosa possiamo fare?

Finora non esiste una cura per il Long COVID. Ma i ricercatori stanno suggerendo che un approccio olistico alla salute può aiutare a superare alcuni dei sintomi del Long COVID. Ecco alcuni aspetti di un approccio olistico che sembrano promettenti.”

✅ “Stili di vita sani. Limitare il consumo di alcol e il fumo, adottare sane abitudini del sonno e alimentazione con dieta nutriente

✅ “Esperienze con la natura. Trascorrere del tempo nella natura aiuta anche a coltivare la salute mentale e fisica. Una ricerca sistematica ha scoperto che può ridurre il rischio di sviluppare malattie croniche come il diabete e le malattie cardiovascolari.”

✅ “Spiritualità. La connessione alle pratiche spirituali può anche aiutare le persone a far fronte ai sintomi del COVID. Uno studio su 427 giovani adulti in Turchia ha scoperto che la spiritualità […] aiuta a mitigare gli effetti negativi del COVID sul benessere soggettivo. In altre parole, il collegamento alla spiritualità può aiutare a proteggere la propria salute mentale.

✅ “Pensiero positivo. Il modo in cui pensi al Long COVID può anche influenzare il modo in cui ti riprendi. Sebbene non ci siano ancora studi di alta qualità che valutino direttamente la misura in cui il pensiero positivo può influire sulla guarigione, altre ricerche precedenti suggeriscono che una prospettiva positiva può aiutare a riprendersi da altri tipi di malattie.

✅ “Meditazione. La meditazione può avere anche un impatto significativo sulla capacità del corpo di combattere le infezioni e riprendersi dalla malattia. In uno studio genomico su larga scala, i ricercatori hanno scoperto che la meditazione avanzata sembrava attivare il sistema immunitario. In altre parole, il sistema immunitario si è rafforzato senza attivare l’infiammazione.”

“Fino a quando non verrà trovata una cura adeguata, un approccio olistico potrebbe essere il nostro miglior percorso per il benessere e il recupero.”

Fonte: STUDI SCIENTIFICI

Seguici anche sui nostri social

Telegram Sfero Odysee logoexit
Possibili cause che portano al Long Covid