i complottisti
Se ti piace l'articolo, condividilo

Le persone comuni seguono le scie di briciole per mangiarsele; i complottisti le seguono perchè vogliono sapere dove conducono.

SCIE CONVERGENTI

Oggi assistiamo ad una sempre più evidente convergenza fra diverse trasformazioni sociali spacciate come “progresso” e apparentemente indipendenti. Ad un occhio allenato come quello dei “complottisti” tutte queste trasformazioni convergono verso un paradigma sociale spaventoso che va oltre le previsioni di George Orwell: il controllo totale e automatico dell’essere umano e il suo conseguente annientamento nella macchina alveare.

E’ come se ci fossero tante scie di briciole come nella fiaba di Pollicino, ma a differenza di quelle del racconto di Charles Perrault queste sono disposte proprio dall’orco per attirare gli ignavi nella sua tana.

IL SISTEMA DEL CREDITO/DEBITO

Il sistema del credito e del debito che fino a qualche decennio fa era applicato esclusivamente in campo economico e finanziario è uscito progressivamente dagli argini invadendo sempre di più campi della vita collettiva che non gli erano assegnati in passato, anzi che gli erano assolutamente preclusi.

L’EDUCAZIONE

Abbiamo cominciato a cambiare le parole dell’Istruzione introducendo il sistema dei crediti e dei debiti rottamando il voto (bruttissima cosa, roba antiquata).

Questo sistema non ha nulla di innovativo o migliorativo rispetto al precedente, ma è una forma di educazione, una normalizzazione del concetto di premio/punizione calato dall’alto e contrapposto al concetto di crescita personale rispettosa dei tempi e dei modi propri di ciascun individuo.

LA SICUREZZA

Abbiamo anche applicato lo stesso metro alla patente di guida, costringendo i cittadini a non poter più ignorare la miriade di limitazioni spesso assurde, contraddittorie ed emesse non certo per garantire la sicurezza delle persone ma piuttosto quella delle istituzioni (dicesi pararsi il culo).

LA SALUTE COLLETTIVA

Più recentemente è arrivata una forma di “credito” surrettizia e infida, che ha però educato brutalmente le persone a un concetto fondamentele: il pensiero divergente è un male per la società e comporta una punizione spesso esemplare.

Non importa quali sono le ragioni di tale pensiero, non importa se esso è fondato su dati incontestabili e informazioni affidabili, su principi solidi.

Se metti in discussione le regole sei fuori dalla società.

L’AMBIENTE

Un altra scia di briciole che si comincia a vedere oggi è quella dei “crediti carbonio”.

Già alcuni operatori economici si premurano di informare sulla quantità di CO2 che consegue a certe operazioni economiche, scelte o acquisti.

LA SALUTE INDIVIDUALE

Di recente l’OMS dichiara di volere applicare penalità all’acquisto dell’alcol, un altra fila di briciole che si dipana nella direzione della tutela (forzata) della salute.

I SOLDI

Ultima ma non per importanza, c’è una scia di briciole che va verso l’abolizione (per legge o di fatto) del denaro contante.

Questa avrà come conseguenza quella di far cessare la corruzione, l’evasione e le care vecchie mazzette per un mondo più trasparente e illuminato dal faro paterno e severo del fisco.

LE DIREZIONI

Certamente la maggioranza delle persone non vede alcuna correlazione tra queste scie di briciole, sono tutte indipendenti e commestibili ed è quindi buona cosa procedere e mangiarsele una ad una.

Ogni scia ha la sua direzione e apparentemente porta ad un proprio traguardo.

Come detto sopra queste trasformazioni sociali, ecologiche, economiche e sanitarie porteranno a una società più onesta, ad un ambiente più pulito e a una vita più lunga e salubre.

LA CONVERGENZA

Purtroppo i mangiatori di briciole, costretti a restare chinati sul passo successivo, non possono vedere che queste scie convergono in un unico baratro che li inghittirà e li annienterà trasformandoli in componenti di un meccanismo, inchiodati e senza più alcuna possibilità di liberarsi.

IL BARATRO

Al termine di questi percorsi c’è una voragine, una società dove tutti sono completamente dipendenti dal denaro digitale, dove lo score dei crediti (sanitari, sociali, ambientali) definisce il grado di libertà della persona.

Un Mondo in cui le porte sono automatiche e si aprono solo se sei ancora sul verde o magari sul giallo, un Mondo in cui ti è concesso di vivere o sopravvivere solo se ti uniformi totalmente alle regole senza più contribuire in alcun modo alla loro definizione.

RINUNCIARE ALLA COMODITA’

Questo cibo facile, comodo, disposto in linea retta è proprio l’esca che sta catturando milioni di persone che volontariamente scelgono di procedere nella direzione più facile ed evidente.

Al contrario dei complottisti, non riescono a capire che ad ogni briciola raccolta perdono una briciola di identità, di libertà, di umanità.

Ad ogni passo si trasformano da homo sapiens sapiens a componenti attivabili e disattivabili da remoto.

Ecco perchè noi, i “complottisti”, abbiamo scelto di vagare nella foresta alla ricerca di cibo difficile da trovare, rischiando l’attacco di animali selvatici, perdendo il riparo e il comfort della “vita moderna”.

Perchè noi complottisti abbiamo visto da lontano che tutte queste appetitose scie portavano in un posto in cui non intendiamo finire.

“Meglio un giorno da leoni” liberi e pensanti che cento anni da componente integrato in una mente alveare aliena e disumana.

Seguici anche sui nostri social

Telegram Sfero Odysee logoexit
I complottisti – Antifiaba di Pollicino
Tag:             

Un pensiero su “I complottisti – Antifiaba di Pollicino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.