Gruppo GEDI
Se ti piace l'articolo, condividilo

GEDI cede due rami d’azienda,
allarme di Repubblica, Stampa, Secolo XIX

C’è uno stato di agitazione all’interno di tutte le rappresentative sindacali nei confronti delle ultime manovre decise dal Gruppo GEDI, che fa capo ad Exor (la holding della famiglia Agnelli-Elkann), e che controlla alcuni dei maggiori quotidiani italiani, fra i quali La Repubblica, La Stampa e Il Secolo XIX.

Comunicato

Con un comunicato, il Coordinamento dei Cdr, appena formatosi per l’occasione, si rivolge a tutti i lettori delle testate che sono all’interno del gruppo è recita come di seguito:

“Cari lettori il testo che state leggendo lo troverete anche su tutte le testate del Gruppo Gedi ed è stato approvato dal Coordinamento dei Cdr che si è appena formato.
E’ rivolto a voi per comunicarvi perché, da oggi, tutte le rappresentanze sindacali dei giornalisti sono entrate in stato d’agitazione”

Comincia così il comunicato del Coordinamento dei Cdr del Gruppo Gedi apparso su tutti i quotidiani del gruppo che fa capo alla Exor di John Elkann: Repubblica, Stampa, Secolio XIX, ecc.

E prosegue:

“Infatti abbiamo appreso che il gruppo, senza alcun preavviso, ha ceduto due rami d’azienda, Operations Multimediali e Demand&Delivery al colosso Accenture.
Si tratta di 65 persone che, dal 1° gennaio, passeranno a un’altra azienda e con un altro contratto di lavoro. L’annuncio ci preoccupa umanamente per le modalità brutali con le quali è stato comunicato e professionalmente per le ricadute.
I due rami d’azienda fanno infatti parte di GediDigital, il motore digitale del gruppo su cui, negli ultimi anni, l’azienda ha investito molto in termini di denaro, personale e professionalità”.
“Colleghi che si occupano della parte tecnologicamente più avanzata dei nostri contenuti (video, audio, podcast, grafici interattivi) e della manutenzione di hardware e software che ci permettono di fare il nostro lavoro e di informarvi ogni giorno.
La decisione di esternalizzare questo comparto strategico è per noi illogica, incomprensibile, grave.
Per questo, nell’esprimere piena solidarietà ai colleghi, abbiamo chiesto un incontro all’azienda da tenersi entro 15 giorni perché spieghi le ragioni di questa scelta e illustri il piano industriale e le strategie del gruppo, mai chiariti in tutti questi anni”.

Il comunicato conclude:

“Il coordinamento – conclude il comunicato – si riserva di adottare ogni forma di lotta per ottenere finalmente chiarezza e tutela di tutti i lavoratori, garanzie fondamentali per assicurarvi un’informazione corretta e di qualità”.

La cessione dei due rami d’azienda ad Accenture, segue di qualche settimana quella del Centro stampa di Padova (dove si stampano quattro giornali del gruppo tra cui Repubblica) a una società che fa capo alla famiglia Comin.

FONTE: nuovoobserver

Seguici anche sui nostri Social

Telegram Sfero Odysee Odysee
Gruppo GEDI
Tag: