Eutanasia per malati Covid
Se ti piace l'articolo, condividilo

Traduzione del video da Google Translate
In Nuova Zelanda, la nuova legge sull’eutanasia consentirà ai pazienti malati di coronavirus di decidere se vogliono continuare la propria vita o meno.
Il governo neozelandese ha assicurato che i medici che forniscono questi servizi ricevano un bonus di $ 1.087 che sono quasi 960€ e pagano anche le spese di viaggio.
Questo verrà effettuato se un medico prevede che gli mancano meno di 6 mesi di vita
Attualmente il Paese è in una situazione precaria in termini di covi-19 e numero di ricoveri
Il virus è complesso e non ancora si sa come ogni organismo reagirà e questo attira l’attenzione di molti medici responsabili delle cure palliative.

La baronessa Finley de Lander assicura che è strano che un paese che misura e impone vaccini per combattere la pandemia in modo che le persone possono riprendersi dal virus, ora suggerisce che questi pazienti dovrebbero essere disconnessi dai loro medici.

Aggiunge anche che una porta per la guarigione dovrebbe essere lasciata aperta.
In Svizzera hanno legalizzato una capsula che consente il suicidio assistito indolore, può essere prodotta tramite una stampante 3D e si può richiedere ovunque, in questo modo, il suicidio assistito è facilitato
In Spagna solo sei mesi dopo l’entrata in vigore della legge di regolamentazione dell’eutanasia, 50 sono già stati giustiziati…

Eutanasia per malati Covid in Nuova Zelanda

Abbiamo trovato quanto segue

Dunque in riferimento al discorso EUTANASIA per malati COVID in NUOVA ZELANDA abbiamo trovato quanto segue

1) L’argomento risale a vari articoli di dicembre 2021

2) Ne abbiamo trovato uno su Defendnz.co.nz dove la redazione spiega di aver interpellato il Ministero della Salute della Nuova Zelanda, chiedendo
“Un paziente gravemente ricoverato in ospedale con Covid-19 potrebbe potenzialmente essere idoneo al suicidio assistito o all’eutanasia ai sensi della legge se un operatore sanitario considerasse la sua prognosi inferiore a 6 mesi?”
La risposta del ministero nel dicembre 2021 riportata dice:
“Ci sono chiari criteri di ammissibilità per la morte assistita. Questi includono che una persona deve avere una malattia terminale che rischia di porre fine alla propria vita entro sei mesi”.
E ancora: “Una malattia terminale è più delle volte una malattia prolungata in cui il trattamento non è efficace. La legge EOLC afferma che l’idoneità è determinata dal medico curante (AMP) e dal medico indipendente.”
“ L’idoneità è determinata caso per caso ; pertanto, il Ministero non può rilasciare dichiarazioni definitive su chi è idoneo. In alcune circostanze una persona con COVID-19 può essere ammissibile alla morte assistita ”

3) Open a fine gennaio 2022 direbbe che è una fake , ma in realtà dopo dice che è possibile…
“Di questa storia se ne erano occupati sia i colleghi di Newtral e Reuters, i quali hanno ottenuto le stesse spiegazioni da parte del Ministero della Salute della Nuova Zelanda.

Risulta falso sostenere che sia stata approvata una legge che sostenga la morte assistita per i pazienti Covid-19, mentre è possibile che questi possano richiederla in determinate circostanze ben specificate nella normativa.
Quindi è vero che la legge permette un malato Covid-19 di porre fine alla sua vita?
👉SI, ma non basta essere infetti e bisogna soddisfare specifici requisiti previsti per chiunque, positivi o negativi al Sars-Cov-2, in particolare uno: essere un malato terminale con un aspettativa di vita minore ai 6 mesi.

Il paziente deve, inoltre, trovarsi in una condizione fisica irreversibile, sottoposto a una sofferenza tale da essere ritenuta insopportabile e che non può alleviare affinché risulti tollerabile. La richiesta del paziente deve essere approvata da due specialisti, che valuteranno le sue condizioni, e se necessario anche da uno psichiatra.”

FONTE: Open e Defendnz.co.nz

Seguici anche sui nostri social

Telegram Sfero Odysee logoexit
Eutanasia per malati Covid in Nuova Zelanda
Tag: