harari
Se ti piace l'articolo, condividilo

Il pianeta non ha più bisogno di una «vasta maggioranza» della popolazione: parla il filosofo di Davos

Il filosofo israeliano Yuval Noah Harari, considerato uno dei principali consiglieri del World Economic Forum di Davos, ha recentemente dichiarato che, grazie al progresso della tecnologia, il mondo non ha «bisogno della stragrande maggioranza».

Lo Harari ha fatto la dichiarazione audace in un’intervista con Chris Anderson, capo del popolare gruppo di media TED, dove ha ribadito alcune sue passate previsioni riguardo la «classe inutile» di umani «non impiegabili».

Harari ha spiegato che ci stiamo allontanando dal XX secolo, quando i «grandi eroi» delle narrazioni prevalenti dei sistemi politici erano sempre «persone comuni».

Nel XXI secolo, dice il pensatore amico di Schwab, le persone «non fanno più parte della storia del futuro».

Le persone, secondo Harari, sono state sostituite dall’Intelligenza Artificiale (AI) e da un’economia ad alta tecnologia.

L’intellettuale israeliano ha quindi presentato l’ipotesi che l’ansia di essere sostituiti nell’economia futura dall’IA e da una classe «tecnologica» altamente istruita sia in parte alla radice della «disillusione e del contraccolpo del mondo contro l’ordine liberale».

«Parte di quello che potrebbe succedere è che le persone si rendono conto – e hanno ragione nel pensare che, “Il futuro non ha bisogno di me. … Forse se sono simpatici, mi getteranno delle briciole, come il reddito di base universale”.

Ma psicologicamente è molto peggio sentirsi inutili che sentirsi sfruttati», ha illustrato lo Harari.

«Ora, avanziamo rapidamente all’inizio del 21° secolo, quando non abbiamo bisogno della stragrande maggioranza della popolazione», ha continuato il vegano Harari, «perché il futuro riguarda lo sviluppo di tecnologie sempre più sofisticate, come l’Intelligenza Artificiale e la bioingegneria».

Harari ha aggiunto che «queste tecnologie renderanno sempre più ridondante (…) tutto ciò che le persone stanno ancora facendo che è utile» e quindi «permetteranno di sostituire le persone».

Riguardo a nuovi lavori creati dal progresso, «non è chiaro se molti umani saranno in grado di farli, perché richiederanno competenze elevate e molta istruzione».

Come nota Lifesitenews, Harari nell’intervista arriva al punto di suggerire che la ricchezza dovrebbe essere ridistribuita a livello globale, in modo che i profitti delle società tecnologiche negli Stati Uniti e in Cina possano beneficiare le persone nei paesi meno avanzati nel dominio tecnologico.

«Direi che il problema più grande in assoluto non è a livello nazionale. È a livello globale», ha affermato l’autore calvo e occhialuto, che ha aggiunto che mentre può immaginare la ridistribuzione della ricchezza dai «giganti della tecnologia in California» alle «madri in Pennsylvania», non vede che la ricchezza venga ridistribuita in «Honduras, Messico o Brasile».

Tale pensiero tocca non esplicitamente il tema del crollo dello Stato-nazione come traguardo della globalizzazione (di cui Davos è capitale), un’indebolimento dei governi sui territori peraltro visibile con la politica del confine meridionale USA lasciato spalancato da Biden

Nel suo libro Sapiens. Da animali a dèi: Breve storia dell’umanità lo Harari afferma che

«l’Homo sapiens governa il mondo perché è l’unico animale che può credere in cose che esistono puramente nella sua stessa immaginazione, come gli dei, gli Stati, il denaro e i diritti umani».

Il filosofo gay israeliano ha portato avanti il concetto anche di recente, quando è arrivato ad affermare che «dovremmo abituarci all’idea che non siamo più anime misteriose», ma «animali hackerabili».

Come riportato negli anni da Renovatio 21, è da diverso tempo che Harari – ospitato con tutti gli onori nei consessi più importanti del pianeta, dalla Silicon Valley a Davos – parla di useless class, classe inutile.

«Quando un secolo fa veniva lanciata una rivoluzione contro lo sfruttamento, si sapeva che quando il male peggiora, non possono sparare a tutti noi perché hanno bisogno di noi», ha raccontato a fine 2019 in un teatro di San Francisco davanti a 3.500 persone.

«Siete totalmente sacrificabili», ha detto al pubblico di tecno-eletti californiani, che faceva partire applausi scroscianti.

Questo, ha spiegato Harari in seguito, è il motivo per cui la Silicon Valley è così entusiasta del concetto di reddito di base universale o di sussidi pagati alle persone indipendentemente dal fatto che lavorino.

Si tratta dell’idee economica scimmiottata dal reddito di cittadinanza grillina, che in realtà è solo un’assistenzialismo spinto in grado di creare feudi elettorali di parassiti.

«Ora aumenta la sensazione che ci sono tutte queste élite che proprio non hanno bisogno di me. Ed è molto peggio essere irrilevanti che essere sfruttati» aveva detto Harari.

«In qualità di massimo consigliere del capo e fondatore del WEF Klaus Schwab, l’opinione di Harari secondo cui il mondo ora ha un’abbondanza di persone “inutili”, insieme al suo aperto degrado degli esseri umani come equivalenti agli animali, solleva la questione se gli obiettivi del WEF siano plasmato da tale visione e, in caso affermativo, in quale misura» scrive Lifesitenews.

La domanda che si pone: l’appoggio di Davos, ONU e di ogni altra sigla transnazionale alla riduzione dei combustibili fossili è pensato proprio per ingenerare una crisi economica e energetica che limiti le nascite e provochi più morti?

La «transizione ecologica» è la maschera di un programma di depopolazione?

E l’avallo dato da Schwab e dai suoi minions WEF – che dovrebbe, in teoria, occuparsi di economia… – ai lockdown e a sistemi di controllo elettronico della popolazione, parimenti, riguardano un futuro di nascite e morti totalmente programmate?

È questo il succo del Grande Reset?

Ritorniamo ad Harari, per capire da che parte sta, rispetto alla politica corrente, il pensatore israeliano omosessuale vegano. 

Durante la pandemia di COVID-19, in seguito al taglio dei finanziamenti americani all’OMS deciso dal  presidente Trump, Harari aveva annunciato che lui e suo «marito» avrebbero donato un milione di dollari all’OMS attraverso Sapienship, la loro società di «impatto sociale».

Bel nome della fondazione, che pare pure ben finanziata (dire certe cose, a quanto sembra, paga benissimo). 

Tuttavia non che il personaggio sia attaccato davvero all’Homo Sapiens: «l’Homo sapiens come li conosciamo scomparirà in un secolo o giù di lì» ha dichiarato nel 2017.

L’uomo sparirà, ma prima sarà dissolta la useless class, di cui lo scrivente e il lettore fanno probabilmente parte.

Tranquilli, stanno approntando una dolce via di uscita dal pianeta.

«Ancora una volta penso che la domanda più grande forse nell’economia e nella politica dei prossimi decenni sarà cosa fare con tutte queste persone inutili» dice lo Harari in un video ancora visibile in rete., dove racconta di un futuro imminente dove diventerà comune «produrre esseri umani», così da rendere nullo il bisogno di mano d’opera perfino nel terzo mondo.

Resta quindi il problema di tutta questa umanità in eccedenza.

«Il problema è più la noia e cosa fare con loro… come troveranno un senso nella vita quando sono fondamentalmente privi di significato, senza valore…  la mia ipotesi migliore al momento è una combinazione di droghe e videogiochi come soluzione».

Avete letto bene.

Questo è il programma che l‘oligarcato avrà per voi.

Sterilizzati e narcotizzati, pronti per Netflix e la Playstation ad vitam, 0 meglio, ad mortem: cioè fino a che non decideranno di eutanatizzarvi, o magari di cancellarvi con una bomba atomica.

Fonte: Renovatio21

Seguici anche sui nostri social

Telegram Sfero Odysee logoexit
Le dichiarazioni di Harari, consigliere di Davos
Tag: