polizia ucraina
Se ti piace l'articolo, condividilo

Ucraina, al via la caccia alle streghe contro i residenti “sleali”

A Nikolaev vengono condotte ricerche porta a porta per trovare “collaboratori” filo-russi.

La città di Nikolaev, nel sud dell’Ucraina, ha fatto ricorso a misure drastiche questo fine settimana per smascherare quelli che le autorità locali chiamano “collaboratori” e “separatisti” – persone che nutrono sentimenti filo-russi o aiutano in qualsiasi modo le forze di Mosca.

Venerdì, il capo dell’amministrazione militare locale, Vitaly Kim, ha posto l’intera città – sede di quasi mezzo milione di persone prima dell’inizio dell’operazione militare russa – a un blocco di due giorni. 

Kim ha annunciato un “coprifuoco prolungato”, che è entrato in vigore venerdì sera e dovrebbe durare fino a lunedì.

Durante questo periodo, ai residenti di Nikolaev è vietato uscire o visitare luoghi pubblici senza permessi speciali. 

In caso di emergenza, viene fornita una scorta di polizia, ha affermato l’agenzia di stampa ucraina Unian.

Le forze dell’ordine utilizzeranno questo tempo per cercare “collaboratori” e “separatisti”, ha affermato Anna Zamazeeva, capo del consiglio regionale di Nikolaev. 

L’operazione è già in pieno svolgimento e la polizia rivelerà i risultati non prima di lunedì, secondo il funzionario.

“Tutti i residenti di Nikolaev sono ora sottoposti a controlli”, ha detto all’UNIAN sabato. 

Coloro che avevano pianificato di lasciare la città e acquistato in anticipo i biglietti del treno o dell’autobus potranno partire, ha detto il funzionario, aggiungendo che sarebbero stati controllati agli avamposti di sicurezza in uscita.

Secondo Zamazeeva, la polizia sta conducendo perquisizioni porta a porta negli appartamenti della città. 

“Stanno cercando tutti; controlla l’ID, i telefoni cellulari, tutto”, ha detto.

Il funzionario ha affermato che i  “collaboratori” sarebbero molto più al sicuro dietro le sbarre poiché la gente del posto potrebbe “linciarli” se la polizia semplicemente rivelasse la loro identità. 

“È meglio che rimangano in prigione finché non vinciamo”,  ha aggiunto.

In precedenza, Kim ha offerto $ 100 a chiunque fornisse informazioni sugli “osservatori” – persone che i funzionari ucraini ritengono forniscano le coordinate del bersaglio all’artiglieria e all’aviazione russa. 

In precedenza, le autorità locali hanno riferito di aver arrestato almeno quattro osservatori.

Martedì, le forze russe hanno riferito di aver colpito una base temporanea della Legione internazionale ucraina vicino alla città di Nikolaev, usando armi di alta precisione. 

Secondo il rapporto, nell’attacco sono rimasti uccisi fino a 250 mercenari stranieri.

La Russia ha inviato truppe in Ucraina il 24 febbraio, citando la mancata attuazione da parte di Kiev degli accordi di Minsk, progettati per conferire alle regioni di Donetsk e Lugansk uno status speciale all’interno dello stato ucraino. 

I protocolli, mediati da Germania e Francia, sono stati firmati per la prima volta nel 2014.

L’ex presidente ucraino Pyotr Poroshenko ha da allora ammesso che l’obiettivo principale di Kiev era:

utilizzare il cessate il fuoco per guadagnare tempo e “creare potenti forze armate”.

Nel febbraio 2022, il Cremlino ha riconosciuto le repubbliche del Donbass come stati indipendenti e ha chiesto che l’Ucraina si dichiarasse ufficialmente un paese neutrale che non si unirà mai a nessun blocco militare occidentale. 

Kiev insiste che l’offensiva russa è stata completamente immotivata.

Fonte: RT

Fonte: Database Italia

Seguici anche sui nostri social

Telegram Sfero Odysee logoexit
Ucraina: partita caccia alle streghe