armi a lungo raggio
Se ti piace l'articolo, condividilo

La Russia mette in guardia gli Stati Uniti dall’invio di armi a lungo raggio in Ucraina e promette l’uso di armi nucleari

Un alto diplomatico russo ha messo in guardia gli Stati Uniti dal fornire armi a lungo raggio all’Ucraina, affermando che Mosca è determinata a usare armi nucleari qualora la sua esistenza fosse minacciata.

“Abbiamo ripetutamente messo in guardia gli Stati Uniti sulle conseguenze che potrebbero seguire se gli Stati Uniti continueranno a inondare l’Ucraina di armi”, ha affermato venerdì il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov. “Si pone effettivamente in uno stato vicino a ciò che può essere descritto come una parte in conflitto”.

Ha inoltre ricordato a Washington la dottrina militare russa che prevede l’uso di armi nucleari nel caso in cui l’esistenza dello stato russo sia minacciata.

“La Russia è in grado di difendere pienamente i suoi interessi e gli obiettivi dell’operazione militare speciale saranno pienamente raggiunti”, ha detto Ryabkov alla televisione di stato.

“Stiamo mettendo in guardia gli Stati Uniti dal compiere passi provocatori, come la consegna di armi a lungo raggio e più devastanti”, ha osservato. “È una strada verso il nulla irta di gravi conseguenze, la cui responsabilità ricadrà interamente su Washington”.

Ha anche avvertito che:

“un margine molto ristretto che separa gli Stati Uniti dal diventare parte del conflitto non deve creare l’illusione per le forze anti-russe rabbiose che tutto rimarrà com’è se lo attraversano”.

Il funzionario ha inoltre ribadito che la Russia proseguirà con la sua operazione militare in Ucraina fino al raggiungimento dei suoi obiettivi.

Le osservazioni di Ryabkov sono arrivate mentre il massiccio flusso di armi guidate dagli Stati Uniti verso Kiev continua, comprese le forniture americane di lanciarazzi multipli HIMARS, che l’esercito ucraino usa per colpire le infrastrutture chiave e altri obiettivi russi.

I sistemi montati su camion sparano missili a guida GPS che, secondo quanto riferito, sono in grado di raggiungere obiettivi fino a 80 chilometri di distanza.

Finora i funzionari statunitensi si sono rifiutati di fornire a Kiev missili a lungo raggio per i lanciatori HIMARS che possono colpire obiettivi fino a 300 chilometri di distanza e potrebbero potenzialmente consentire all’esercito ucraino di colpire aree nelle profondità del territorio russo.

Questo mentre il ministero della Difesa russo ha riferito all’inizio di questa settimana che le sue forze hanno distrutto un cannone obice M777 di fabbricazione statunitense che le forze ucraine avevano usato per bombardare la centrale nucleare di Zaporizhzhia controllata dalla Russia situata nel sud-est dell’Ucraina.

La centrale nucleare di Zaporizhzhia

“Nelle ultime 24 ore, la centrale nucleare di Zaporizhzhia è stata bombardata due volte dalle truppe ucraine con pezzi di artiglieria di grosso calibro. A seguito del bombardamento, quattro munizioni sono esplose nell’area della stazione di ossigeno e azoto e un’altra nell’area dell’edificio speciale n. 1 “, ha affermato il ministero della Difesa Igor Konashenkov in una conferenza stampa la scorsa settimana .

Konashenkov ha inoltre osservato che le unità russe sono riuscite a individuare e distruggere la posizione dell’obice di fabbricazione statunitense utilizzato dalle forze di Kiev, da dove la centrale nucleare è stata colpita dall’artiglieria.

Mosca ha rimproverato Kiev per aver ordinato alle forze ucraine di organizzare attacchi di artiglieria contro la centrale nucleare, descrivendo la mossa come “terrorismo nucleare”.

articolo preso da Press TV – 3 settembre 2022

di Davide Donateo

Fonte: Database Italia

Seguici anche sui nostri social

Telegram Sfero Odysee logoexit
Armi a lungo raggio all’Ucraina