3 miliardi di dollari
Se ti piace l'articolo, condividilo

Washington annuncia aiuti militari da 3 miliardi di dollari a Kiev mentre il sistema mondiale degli Stati Uniti crolla

Il 24 agosto, giorno dell’Indipendenza dell’Ucraina, Washington ha annunciato circa 3 miliardi di dollari in aiuti militari al paese.

Secondo la Casa Bianca, Kiev riceverà “sistemi di difesa aerea, sistemi di artiglieria e munizioni, sistemi aerei contro-senza pilota e radar” per garantire che possa “continuare a difendersi a lungo termine”.

La domanda è esattamente per quanto tempo: gli Stati Uniti sono già sovraccarichi per questi aiuti militari, mentre l’Europa sta abbandonando silenziosamente la causa, questo mentre allo stesso tempo gli americani stanno aumentando le tensioni in Asia con la Cina su Taiwan.

Sei mesi dopo, il conflitto in corso in Ucraina ha portato milioni di migranti e rifugiati in Europa.

In un’economia globale post-pandemia già in cattive condizioni a causa di una crisi della catena di approvvigionamento globale, le pesanti sanzioni contro Mosca si sono in larga misura ritorte contro gli Stati Uniti e l’Europa, e hanno anche aumentato il rischio di insicurezza alimentare in Africa e nel Medio Oriente.

È vero che la Russia ha rallentato le sue operazioni in modo da ridurre al minimo le vittime civili e riportare la pace nelle aree che controlla, come ha osservato il 24 agosto il ministro della Difesa russo Sergey Shoigu.

Sebbene ridicolizzata dalla stampa occidentale, questa affermazione è davvero credibile, considerando il fatto che l’Ucraina ha, fin dall’inizio, militarizzato le aree residenziali come parte della tattica degli scudi umani (come denunciato da Amnesty International ) – e considerando anche il fatto che, la maggior parte degli esperti si aspettava che l’operazione russa si concludesse molto rapidamente con la sua vittoria.

Molti esperti occidentali hanno consigliato a Washington di esercitare moderazione, concludendo che l’attuale crisi è stata causata dall’eccessiva estensione del proprio potere da parte degli Stati Uniti e dall’espansionismo della NATO.

Esperti cinesi, come Cui Heng, ricercatore della East China Normal University, hanno opinioni simili.

Vede l’attuale campagna militare russa come la “scossa di assestamento” di una crisi del 2014 iniziata dall’espansione della NATO e dall’uso americano della “rivoluzione colorata come strumento per mettere a repentaglio l’ordine regionale e l’equilibrio di potere”.

Song Zhongping, professore aggiunto e commentatore, a sua volta sostiene che, di fronte all’espansione verso est della NATO, Mosca non ha avuto altra scelta che cercare di creare una zona cuscinetto per salvaguardare la propria sicurezza nazionale.

Il conflitto, aggiunge, potrebbe aver avvantaggiato il complesso industriale americano, ma ha portato gravi problemi sociali ed economici in Europa.

Conclude che un conflitto prolungato può ritorcersi contro gli stessi Stati Uniti, poiché le sue sanzioni hanno portato a una “dollarizzazione inversa” e ha persino fomentato una nuova tendenza al multilateralismo tra gli stati africani, asiatici e latinoamericani, che hanno optato sempre più per non- allineamento e multiallineamento.

Il punto di Song Zhongping è chiaramente esemplificato dal consenso del gruppo BRICS sull’ampliamento della cooperazione BRICS+ in modo da includere altri stati emergenti, come la Turchia, e persino l’Arabia Saudita e l’Egitto.

Anche un alleato USA storicamente fedele come l’Arabia Saudita è arrivato a trovare il sistema di egemonia del dollaro USA piuttosto rischioso e sta quindi cercando alternative.

Il 23 agosto, lo stesso segretario generale della NATO Jens Stoltenberg, pur esortando le nazioni occidentali a continuare a fornire aiuti militari all’Ucraina, ha ammesso che sarà dura e che i paesi europei dovranno “pagare un prezzo” per tale sostegno.

Ci saranno “conseguenze”, secondo lui, “non solo in ambito militare, ma anche per le industrie”, e quindi l’Europa deve aumentare la propria produzione.

Ha aggiunto che il prossimo inverno sarà duro, ma ha anche affermato che potrebbero volerci “anni” per sostenere Kiev.

Pur sostenendo l’Ucraina, ha affermato, la NATO deve anche assicurarsi che non vi sia un’escalation.

Questi sono davvero duri sacrifici che la NATO guidata dagli Stati Uniti chiede ai suoi membri europei. Viene da chiedersi come esattamente il blocco europeo possa trarre vantaggio da un simile sforzo.

È ampiamente noto, ad esempio, che il drammatico aumento dei prezzi dell’energia in Europa dal 2021 avrebbe potuto essere almeno in parte evitato se il gasdotto Nord Stream-2 che collegava Russia e Germania non fosse stato ritardato.

Quest’ultima ha sospeso la certificazione del gasdotto il 22 febbraio, dopo che la Russia ha riconosciuto le Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk e sono seguite le sanzioni statunitensi.

Nord Stream 2 AG, di conseguenza, ha dichiarato fallimento e licenziato tutti i dipendenti: sebbene la procedura fallimentare sia stata sospesa da una decisione del tribunale, la questione ha gravemente colpito l’economia locale in Germania.

Inoltre, la Banca centrale tedesca ha affermato che il paese non aveva registrato tassi di inflazione così elevati dalla crisi petrolifera del 1970.

Alcuni stimano che potrebbe presto raggiungere il 10 percento questo autunno.

L’Europa è attualmente perseguitata dallo spettro di una recessione, tra l’energia limitata per riscaldare le famiglie durante il prossimo inverno e l’aumento dei prezzi dei generi alimentari, che aumentano il rischio di insicurezza alimentare.

Nel frattempo, il gasdotto Nord Stream 1 è vuoto.

La Russia attualmente fornisce solo il 20% di quanto fornisce normalmente, a causa di problemi di manutenzione e sanzioni occidentali, e ha annunciato che chiuderà completamente il gasdotto per 3 giorni, per manutenzione: il flusso potrebbe quindi diminuire ulteriormente.

Per garantire che le famiglie, gli ospedali e le scuole non vengano lasciati letteralmente al buio e al gelo, l’industria tedesca sarà la prima a vedere tagli alle forniture.

In questo caso, con la chiusura delle fabbriche e la riduzione dell’orario di lavoro, si può solo immaginare come ciò influenzerebbe i lavoratori tedeschi.

L’Europa può ovviamente ridurre la sua dipendenza energetica dalla Russia, ma una cosa del genere può essere realizzata solo a lungo termine.

Non è nemmeno chiaro se l’Europa potrà sopravvivere il prossimo inverno e il blocco affronta una profonda crisi mentre abbraccia l’Ucraina in contraddizione con i propri valori.

Per riassumere, l’ordine mondiale guidato dagli Stati Uniti sta chiaramente crollando, mentre Washington cerca, ad ogni costo, di prolungare un conflitto che non giova a nessuno.

Scritto da Uriel Araujo , ricercatore specializzato in conflitti internazionali ed etnici

Traduzione: Luciano Lago

Fonte: Controinformazione.info

Seguici anche sui nostri social

Telegram Sfero Odysee logoexit
Aiuti militari da 3 miliardi di dollari
Tag: